La gestione della mente e il rischio clinico