La ragionevole durata del giudizio e la mors litis nella storia del processo