Con l'adesione dell'Unione europea al Trattato internazionale di Prum, si pone per l'Italia l'obbligo di costituire la prima banca dati del DNA allo scopo di contribuire a rafforzare, a livello europeo, la lotta al terrorismo e alla criminalità organizzata. La costituzione della banca dati pone però delicati problemi che riguardano da vicino la tutela delle libertà fondamentali, ad iniziare dalla libertà personale

La ratifica del Trattato di Prum e l'istituzione della banca dati nazionale del DNA. L'habeas corpus alla prova dello sviluppo tecnologico

MUSUMECI, ANGELA
2012

Abstract

Con l'adesione dell'Unione europea al Trattato internazionale di Prum, si pone per l'Italia l'obbligo di costituire la prima banca dati del DNA allo scopo di contribuire a rafforzare, a livello europeo, la lotta al terrorismo e alla criminalità organizzata. La costituzione della banca dati pone però delicati problemi che riguardano da vicino la tutela delle libertà fondamentali, ad iniziare dalla libertà personale
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11575/3563
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact