E.P.I. e patologie associate: ci sono novità?