Inventari, elenchi, carte sparse: fonti per la storia del collezionismo? Una verifica in casa Gonzaga a Mantova tra Cinquecento e Settecento