Verso il distretto del gusto, tra tradizione e “località”