Il gioco dei doppi, l' "inteatrabile" e la necessità del teatro