Il divieto degli atti di emulazione: le contestate origini romane di un principio moderno