Ferrero, Tilgher e il dibattito sul "Progresso"