Investire nel valore aggiunto della diversità linguistica al tempo del Covid-19