«Onde convenne legge per fren porre». Dante e il diritto