Un caso clinico di disautonomia canina: contributo ultrastrutturale