La primavera di Praga non fu solo un'esperienza limitata alla Cecoslovacchia, ma i suoi influssi si riverberarono in tutta l'Europa orientale. In Polonia il periodo a cavallo del 1968 segnò la fine di due tipi di opposizione al comunismo: quella classica della rivolta armata e quella di chi sperava nella riforma del sistema dall'interno. Al loro posto si sviluppò una dissidenza di massa, aiutata e a volte guidata dalla chiesa che porterà alla decisiva esperienza di Solidarnosc. Il '68 polacco vide anche la lotta contro un rigurgito di antisemitismo.

Echi polacchi della primavera di Praga

MACCHIA A
2008-01-01

Abstract

La primavera di Praga non fu solo un'esperienza limitata alla Cecoslovacchia, ma i suoi influssi si riverberarono in tutta l'Europa orientale. In Polonia il periodo a cavallo del 1968 segnò la fine di due tipi di opposizione al comunismo: quella classica della rivolta armata e quella di chi sperava nella riforma del sistema dall'interno. Al loro posto si sviluppò una dissidenza di massa, aiutata e a volte guidata dalla chiesa che porterà alla decisiva esperienza di Solidarnosc. Il '68 polacco vide anche la lotta contro un rigurgito di antisemitismo.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11575/110629
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact