Le insorgenze abruzzesi in prospettiva: il caso di Teramo