Vomito e malattie dello stomaco: binomio indissolubile?