La virtù benedettina della discretio e la riabilitazione novecentesca della filosofia pratica